elite supermercati header logo

Bullo o non bullo? Le due facce del problema

Il minimo che c’è da sapere per capire le caratteristiche generali di due atteggiamenti speculari

QUALI SONO I SEGNALI PER ACCORGERSI CHE IL PROPRIO FIGLIO È VITTIMA DI BULLISMO?

  • Da un po’ di tempo è ansioso quando deve andare a scuola, cerca di ritardare, di percorrere la strada più lunga e nascosta.

  • Durante il periodo scolastico è preda di una tensione e di disturbi psicosomatici che durante le vacanze invece scompaiono completamente.

  • “Perde” spesso i soldi, ne chiede spesso o addirittura ruba dal portafoglio dei familiari.

  • Riceve telefonate o sms che lo rendono scontroso o agitato e di cui non vuole parlare.

  • Dice di avere degli amici, ma non li si vede mai e non ne invita mai nessuno a casa.

  • Non viene mai invitato dai compagni di classe.

  • È molto irritabile e insolitamente aggressivo con i genitori e i fratelli. Oppure sembra triste, malinconico.

  • Si è verificato un calo sensibile nel rendimento scolastico.

  • Quando gli si chiede se c’è qualcosa che non va non risponde, è evasivo oppure si arrabbia.

  • Incomincia a fare cose che non ha mai fatto prima come marinare la scuola o rubare.

SE INVECE ILTIMORE È CHE IL BULLO SIA NOSTRO FIGLIO?

  • Raccogliere informazioni e cercare di capire che cosa sta succedendo, che ruolo ha nostro figlio negli episodi di bullismo, perché si comporta a quel modo. Se si scopre che è violento, perseguita o deruba i compagni, bisogna condannare le violenze e le prevaricazioni: troppa indulgenza può convincerlo di poter continuare, di non dover cambiare.

  • Chiedersi se in famiglia la violenza fisica e verbale viene scoraggiata oppure no (tra genitori e figli, tra marito e moglie, tra fratelli) ed essere più decisi nel richiedere il rispetto delle regole. L’esempio è fondamentale. Se un padre “macho” ricorre spesso alla violenza per avere ragione e l’approva, non bisogna poi stupirsi se il figlio mette in pratica i suoi insegnamenti. Il bullismo si trasmette facilmente da una generazione all’altra. Domandarsi se non è arrivato il momento di migliorare il clima domestico.

  • È meglio per tutti se nostro figlio si scusa con il compagno che ha aggredito, o che gli restituisca ciò che gli ha sottratto. È una cosa che può fare a voce, oppure per iscritto. In questo modo si chiude l’incidente e si inizia il rapporto su basi diverse. Se non ci si può fidare di come nostro figlio si comporta fuori casa, bisognerà esercitare un controllo maggiore.

Altri contenuti in questa categoria
Altri contenuti in questa categoria

Il supermercato di quartiere completamente dedicato agli animali domestici, con una vasta scelta di prodotti food e accessori per i tuoi piccoli e grandi amici.

Un luogo ampio ed accogliente per un evento, una cerimonia, un pranzo di lavoro o per trascorrere del tempo con tutta la famiglia, 

Passato, presente e futuro si uniscono armoniosamente in una struttura sobria ed elegante, immersa nella quiete di un luogo distante dal frastuono della cittá.